Il Papa in Sardegna


Domenica 22 settembre 2013 la Sardegna accoglierà Papa Francesco, pellegrino presso il Santuario di Nostra Signora di Bonaria.

Il Pontefice ha dato personalmente l’annuncio del suo pellegrinaggio in terra sarda all’udienza generale di mercoledì 15 maggio 2013 in Piazza san Pietro:
«Un pensiero speciale rivolgo ai Vescovi, ai sacerdoti e ai fedeli provenienti dalla Sardegna; cari amici, vi ringrazio per la vostra presenza e di cuore affido voi e le vostre comunità alla materna intercessione della Vergine Santa che venerate con il titolo di “Madonna di Bonaria”. A questo proposito, vi vorrei annunciare che desidero visitare il Santuario a Cagliari – quasi sicuramente nel mese di settembre – perché fra la città di Buenos Aires e Cagliari c’è una fratellanza per una storia antica. Proprio nel momento della fondazione della città di Buenos Aires, il suo fondatore voleva nominarla “Città della Santissima Trinità”, ma i marinai che lo avevano portato laggiù erano sardi e loro volevano che si chiamasse “Città della Madonna di Bonaria”. Vi fu una disputa fra di essi e alla fine hanno trovato un compromesso, così che il nome della Città risultò lungo: “Città della Santissima Trinità e Porto di Nostra Signora di Bonaria”. Ma essendo tanto lungo, sono rimaste le due ultime parole: Bonaria, Buenos Aires, in ricordo della vostra icona della Madonna di Bonaria».

La Sardegna, isola ricca di belle location turistiche e meta ogni anno di milioni di turisti, è facilmente raggiungibile attraverso le navi veloci ed i traghetti low cost dai principali porti italiani e del Mediterraneo: sul sito di Mediterraneo Traghetti è possibile prenotare traghetti per la Sardegna low cost e comodamente acquistabili online con carta di credito. Mediterraneo Traghetti è la soluzione ideale per chi è alla ricerca di navi e traghetti delle principali compagnie di navigazione per raggiungere i porti della Sardegna low cost.

L’annuncio “ a sorpresa” della visita di Papa Francesco ha attivato nelle nostre comunità cristiane l’impegno della preghiera, dell’attesa e della preparazione per poter partecipare a quello che, indubbiamente, si profila come un evento di grazia e di speranza, per tutti.

L’esperienza dell’incontro con il successore di Pietro, la franchezza del suo invito a tenere sempre accesa la fiamma della fede e a lasciarci guidare, nelle tempeste della vita, dallo sguardo tenero e materno di Maria, costituiscono il senso dello storico appuntamento del 22 settembre 2013: una immersione di fede e speranza per poi ritornare rinnovati e incoraggiati ad affrontare, nella carità di Cristo, la vita di tutti i giorni.